Non puoi mangiare carboidrati?

 

 

 

 

Non puoi mangiare carboidrati?  E se il pane non fosse più un problema?

 

Il pane comune contiene una quantità di carboidrati (suddivisi tra zuccheri e amidi) pari a circa il 65% del peso. Ciò contribuisce a rendere il pane uno degli alimenti più decurtati nelle diete; infatti la grande quantità di zuccheri fa si che l'apporto calorico per ogni 100 gr. superi le 280 Kcalorie.

 

Il Pane di Rivalta produce una vasta gamma di prodotti da forno con ridotto contenuto di carboidrati che possono sostituire i "normali"prodotti da forno, senza vanificare tutti gli sforzi profusi per seguire una dieta. 

 

  

 

  

Tutti i nostri prodotti  attualmente in produzione, ad esempio il Pan Lombardia, vengono realizzati con sfarinati a basso contenuto di zuccheri, riducendo di conseguenza anche le calorie.

 

  

Quattro buoni motivi per utilizzare il Pan Lombardia: 

 

 

  HA UN ALTO CONTENUTO DI FIBRE (**)     (20,50 g su 100 g di prodotto)
  HA UN ALTO CONTENUTO DI PROTEINE (**)    (111 kCal su 201 derivano dalle proteine - 55%)
  HA UN BASSO CONTENUTO DI GRASSI (**)   (0,52 g su 100 g di prodotto)
  HA UN BASSO CONTENUTO DI ZUCCHERI (**)   (0,86 g su 100 g di prodotto)

    

 

Di seguito pubblichiamo la tabella nutrizionale comparativa tra il nostro Pan Lombardia ed il pane comune.

 

 

Pan Lombardia Valori nutrizionali (100 g)  Pane comune
 21,15 g Carboidrati:  66,90 g
 0,86 g di cui zuccheri   1,90 g
  20,29 g (*) di cui amidi  59,10 g 
20,50 g  Fibre:  3,20 g 
27,84 g  Proteine:  8,60 g 
0,52 g  Grassi  0,50 g 
201  kCal  289 
 841  kJ   1209 

 

(*) L’amido è uno zucchero complesso (polisaccaride) costituito chimicamente da lunghe catene o strutture ramificate di destrosio. Nel nostro sistema digerente l’amido viene scisso prima in maltodestrina (cioè glucosio) e infine in destrosio, un monosaccaride.

Nei nostri prodotti i glucidi d’interesse sono “amidi resistenti” ad alto contenuto di amilosio. L’amido resistente non è digeribile e non produce la classica risposta insulinica.

 

 

La sostituzione di amidi digeribili con amido resistente in un pasto contribuisce alla riduzione dell’aumento del glucosio ematico post-prandiale.

  

(**) Claims nutrizionali secondo  Reg. Ce 1924/2006 del 20 dicembre 2006 e s.m.i.

 

 

Vuoi sapere se ci sono rivenditori autorizzati nella tua zona? Clicca qui per vedere l'elenco completo dei negozi

 

 

 

Clicca qui per vedere le schede tecniche dei prodotti salati

 

 

Clicca qui per vedere le schede tecniche dei prodotti dolci

 

 

Clicca qui per vedere le schede tecniche della pasta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

le-fibre-aiutano-l-intestino-e-proteggono-il-cuore-dagli-infarti (LaPresse) 15 maggio 2014 - Le fibre, è noto, sono...
usa-tramonta-dieta-mediterranea-guerra-ai-carboidrati (ASCA)- Roma, 3 set 2014 - Negli Usa e' di nuovo...
carboidrati-e-tumore-del-colon In un recente studio condotto dall’Università di...
il-pancarre-si-sdoppia                                                ...
ricette-low-carb  Questa sezione del nostro sito ospita una rubrica...
low-carb        Non puoi mangiare carboidrati?  E se il...
aperitivo-con-sfizioPer conoscere i valori nutrizionali completi dei...
cerchiamo-collaborazioni Siamo interessati a collaborare con attività...